Illuminante viso: i segreti per brillare di luce propria

illuminante viso

L’illuminante viso è un prodotto che non deve mai mancare quando desideri realizzare un make up perfetto come una vera star. In questo breve approfondimento, puoi scoprire che cos’è l’highlighting, che tipi esistono, come si applica e dove.

Che cos’è l’illuminante viso

Quando si parla di illuminante viso si fa riferimento a un prodotto che ha lo scopo di creare dei punti luce. Spesso è una polvere shiny cioè brillante ma può anche esser in stick, in crema o di tipo oleoso. Serve per dare maggiore tridimensionalità al viso creando luci e ombre con il make up. Grazie alla tecniche di contouring è possibile scolpire il viso e dargli una forma più triangolare e, per esempio, snellire la mascella e sfinare il mento. Infatti, si può usare non solo per creare dei punti luce ma anche per definire meglio l’ovale e nascondere alcuni difetti.

Quando applicare l’illuminante viso

Una domanda che moltissime si fanno in merito all’illuminante viso è quando va applicato, se prima o dopo il fondotinta. Meglio precisare che l’applicazione dipende dal tipo di prodotto. Infatti, un illuminante in stick o crema andrebbe messo dopo il fondotinta ma prima delle polveri. Il vantaggio di usare un prodotto in crema è avere un prodotto che si mixa meglio con la base trucco per un risultato più naturale e bilanciato.

Invece, se l’illuminante è in polvere, allora è sempre meglio usarlo come passaggio finale. Prima finisci la base trucco stendendo anche terra e blush e, solo alla fine, usi il tuo illuminante in polvere per definire l’ovale. In questo caso, ottieni un risultato molto più evidente.

Inoltre, l’illuminante viso va scelto anche in base al tipo di pelle. Se hai la pelle grassa e mista, evita i prodotti in crema che spesso creano una patina oleosa che peggiora la situazione e l’aspetto della pelle. Preferiscici invece prodotto in polvere come fondotinta minerale che aiutano a ridurre le imperfezioni nonché i porti dilatati. Se invece hai la pelle secca che tende a perdere idratazione durante il giorno, usa prodotti oleosi.

Quali sono le zone da illuminare

Dopo aver capito come usare l’illuminante è bene capire dove va messo. Per ottenere un look glowy ci vuole un po’ di highlighting nei punti giusti del volto. Per iniziare, si stende un po’ di illuminante viso sugli zigomi. Il punto luce va fatto anche su tutta la “zona T” cioè punta e dorso del naso. Ne basta una punta anche sull’arco di cupido cioè sulla parte superiore e centrale delle labbra. Non dimenticare il mento e la fronte. Quando realizzai un make up per gli occhi ci sono due punti che hanno bisogno di un tocco di luce per creare tridimensionalità: la punta interna dell’occhio e l’arcata del sopracciglio.


Loading...