Letto alla francese: che cos’è e perché è così amato

Letto alla francese

Le tendenze dell’arredo di interni sono in continua evoluzione e ci sono novità praticamente ogni giorno. Una di quelle che ha avuto maggior successo in assoluto è il letto alla francese che oggi si vede moltissimo nelle case di tutti gli italiani, negli showroom, nelle riviste d’arredamento etc.

Se ancora non conoscete il letto alla francese, ecco una guida che vi spiega tutto quello che dovreste sapere.

Le dimensioni del letto alla francese

La differenza principale tra un letto matrimoniale classico e uno alla francese riguarda le dimensioni. Un letto normale ha una larghezza che va dai 160 ai 180 cm, mentre quello alla francese arriva a 140 cm. È quindi più stretto rispetto al solito standard.

Per quanto riguarda la lunghezza, quella non cambia dato che resta uguale, cioè tra i 190 e 200 cm. Potrebbe sembrare più simile a un letto a una piazza e mezza che arriva alla larghezza di 120 cm, ma non è esattamente così.

Nonostante possa sembrare più stretto e simile a un letto per una persona, è adatto ad accogliere due persone che dormono comode. L’unica differenza è che si sta più vicini, quindi può esser vista come una soluzione più romantica e intima.

Letto alla francese cuscini

Perché si chiama così

Un’altra domanda che sorge spontanea è perché prende questo nome. È semplicemente il letto matrimoniale che si usa in Francia. Nel suo Paese d’origine prende il nome di grand lit, mentre nel Regno Unito lo chiamano queen bed, in contrapposizione al king bed che è quello normale di larghezza 160 cm e più.

Perché scegliere il letto alla francese

Il letto alla francese è una soluzione che incontra i gusti e le esigenze di molti e, infatti, è una scelta molto apprezzata. I motivi per cui sempre più famiglie si orientano verso questa alternativa non è unicamente ridurre l’ingombro nelle camere da letto, ma è anche una questione di design.

Per mettere in risalto una camera spaziosa e con un pavimento dal disegno di posa particolare, il letto di dimensioni lievemente ridotte è quello che ci vuole. Si riesce a enfatizzare lo spazio di una camera da letto se si preferisce il letto francese.

Il contenitore sotto il materasso

Il letto alla francese spesso ha il contenitore, una particolarità molto pratica e apprezzata che aiuta a tenere in ordine, ma anche a rifare il letto più comodamente senza doversi piegare ogni volta e rischiare il mal di schiena.

La maggior parte di questi letti normalmente in vendita ha un box sotto la rete dove sistemare coperte, lenzuola, asciugamano o quello che preferite. È una soluzione che permette di liberare spazio negli armadi e sfruttare al massimo uno spazio che altrimenti sarebbe inutilizzato.

Il contenitore è indubbiamente comodo, soprattutto per tenere le voluminose coperte e piumini invernali che altrimenti occupano un sacco di posto dentro l’armadio.

Potrebbe interessarti anche:

Arredamento camera da letto: consigli pratici per non sbagliare

Camere da letto moderne: le idee di stile da copiare