Ristrutturare casa: quali interventi fare e quanto costa

Ristrutturare casa

Per migliorare la qualità della vita domestica, è necessario, di tanto in tanto, ristrutturare casa. Si tratta di un processo fisiologico che consente di ammodernare gli impianti dell’abitazione con tutti i confort più recenti. Ci sono moltissimi interventi che è bene avviare per vivere meglio tra le mura domestiche con maggiore sicurezza e confort, risparmiando anche sulle utenze domestiche.

Non si tratta però solo di un intervento che riguarda il confort, ma anche lo stile e l’estetica. Tanti interventi di ristrutturazione, infatti, hanno lo scopo di rendere gli ambienti più al passo con i tempi. Il restyling dell’abitazione permette di assecondare idee di living molto più contemporanee.

La ristrutturazione della casa è un investimento che conviene sempre fare perché aumenta il valore dell’immobile, sia che si voglia vendere che continuare a viverci, reso ancora più conveniente da bonus e detrazioni.

Quali interventi avviare

Sono davvero moltissimi gli interventi che si possono avviare per ristrutturare casa, migliorare gli impianti e fare un restyling. Spesso si rifanno gli impianti elettrici e idraulici, compreso il cambio dei vecchi termosifoni. Un altro lavoro che spesso si richiede è il rifacimento completo del bagno per installare un pratico box doccia al posto della vasca da bagno. È molto comune che si rifacciano i pavimenti per dare un nuovo tocco all’ambiente grazie a prodotti più moderni e innovativi.

Ristrutturare casa interni

Molte volte capita che la ristrutturazione comprenda la realizzazione di un open space che unisce cucina e living. Per quanto riguarda gli esterni, si possono sostituire gli infissi e realizzare il cosiddetto cappotto termico che migliora l’isolamento.

Quanto costa ristrutturare casa

I costi della ristrutturazione casa dipendono dal tipo di lavori che si vuole avviare. Quando si parla di posa di pavimenti, oltre al costo dei listelli, si deve mettere in conto la posa che viene all’incirca tra i 25 – 40 € al metro quadrato. Posare piastrelle piuttosto che il laminato, costa sicuramente di più. Inoltre, anche il disegno di posa scelto può fare la differenza: quelli più complicati che prevedono molti tagli avranno un costo maggiore perché ci vogliono più ore di lavoro.

Altri esempi di costi legati alla ristrutturazione sono quelli per rifare l’impianto elettrico può avere un costo intorno ai 3000 €, si parla di oltre 10.000€ per gli impianti idraulici.

Le detrazioni fiscali

Per chi ristruttura casa esistono delle detrazioni fiscali pari al 50% della spesa sostenuta. Questo vuol dire ottenere indietro la metà di quello speso nel corso di dieci anni. È necessario emettere sempre regolare fattura, indicando gli estremi della concessione edilizia per la ristrutturazione, rilasciata dagli appositi uffici comunali. Per gli interventi di riqualificazione energetica, la detrazione arriva anche al 65%.

Esiste anche un bonus pari a 10.000 euro per l’acquisto di mobili. Attenzione però che è sempre meglio verificare la presenza di tali detrazioni che possono modificarsi di anno in anno. Alcuni Comuni hanno introdotto detrazioni simili perciò meglio sempre controllare anche a livello locale oltre che nazionale.

Potrebbe interessarti anche:

Loading...