Gel unghie e smalto semipermanente: cerchiamo di fare un po’ di chiarezza!

Molto spesso le donne tendono a confondere il gel unghie con lo smalto semipermanente. In realtà, si tratta di due tecniche differenti, che portano a due risultati assai diversi. Cerchiamo, quindi, di fare un po’ di chiarezza al riguardo.

Gel unghie: cos’è?

Partiamo con il gel unghie. Si tratta di un metodi ricostruzione per le unghie, che prevede l’impiego di un apposito kit, non semplice da maneggiare. Infatti, si consiglia di affidarsi ad un professionista per questo tipo di trattamento. Del resto, è necessario effettuare diversi passaggi, anche piuttosto complessi. Di fatto, le unghie devono essere livellate con la lima e si deve creare la bombatura centrale. Inoltre, è necessario utilizzare la lampada UV per indurire il gel.

Non bisogna dimenticare, poi, che la rimozione del gel è abbastanza impegnativa, anche perché è necessario utilizzare la fresa. Detto ciò, però, è bene specificare che è possibile ottenere risultati eccezionali ed una durata dell’effetto che va oltre il mese. La qualità della ricostruzione unghie, poi, è nettamente superiore rispetto a quella garantita dallo smalto semipermanente.

Infatti, le unghie vengono protette dai piccoli traumi accidentali, nonché dalle rotture. Il gel permette di allungare l’unghia naturale con cartine o tip, ma anche di ricostruirla nel caso in cui sia spezzata o danneggiata e di renderla  estremamente piacevole anche se ingiallita. Per quanto riguarda il costo del trattamento, in media si aggira tra i 45 ed i 60 euro, mentre il tempo di realizzazione è di circa 1 ora e mezza, a volte anche 2.

Smalto semipermanente: cos’è?

Si tratta di un prodotto cosmetico che si indurisce con il calore (fotoindurente). Si applica in corrispondenza delle unghie come uno smalto normale. Tuttavia, la durata garantita è maggiore, anche perché deve essere polimerizzato con la lampada. Risulta, invece, minore se messa a confronto con quella del gel unghie (15 giorni contro 1 mese).

Non bisogna dimenticare, però, che la rimozione è più semplice. Infatti, questo particolare tipo di smalto può essere utilizzato anche da chi non ha un’elevata esperienza in fatto di manicure o di nail art. Inoltre, non sono necessarie le operazioni di limatura e fresatura, ma basta un solvente per unghie, che permette allo smalto in questione di togliersi come se fosse una pellicola.

In caso di smalto semipermanente professionale, il costo si aggira intorno ai 20-35 euro. Di fatto, molto dipende dal salone di bellezza a cui ci si rivolge. É importante sottolineare, però, che con questo tipo di smalto non è possibile effettuare allungamenti o la ricostruzione delle unghie tramite tip o altra tecnica.

Parliamo nello specifico di differenze!

Differenze dal punto di vista economico

Dal punto di vista economico c’è una grande differenza. Infatti, un’applicazione professionale di smalto semipermanente può venire a costare tra i 20 ed i 35 euro, mentre per le unghie gel si parla di 45 o 60 euro.

Differenze dal punto di vista della durata

Sicuramente, il gel unghie batte lo smalto semipermanente, in quanto non necessita di ritocco per almeno un mese. Nel secondo caso, invece, è fondamentale intervenire dopo appena 15 giorni.

Differenze da punto di vista del risultato finale

Anche in questo caso il gel unghie batte nettamente lo smalto semipermanente. Tuttavia, bisogna dire che inizialmente il risultato può sembrare molto simile.

Differenze dal punto di vista della salute delle unghie

Sicuramente, lo smalto semipermanente è meno aggressivo nei confronti delle unghie, poiché si tratta di una semplice copertura estetica. Il gel, invece, soprattutto se non utilizzato correttamente, può indebolire le unghie, nonché ingiallirle e renderle  maggiormente soggette all’onicomicosi.

Potrebbe interessarti anche:

Come togliere lo smalto semipermanente: tutti i trucchi per non sbagliare